Pillole d’arte (cristiana): ‘Le età dell’uomo’ di Van Dyck

In questa nuova pillola d’arte parleremo di un dipinto del 1625 di Van Dyck: ‘Le età dell’uomo’. Conservato nel museo civico di Vicenza.

Il tema di questa allegoria era comune nella pittura veneta del Cinquecento.

Possiamo vedere un putto addormentato che simboleggia l’infanzia. È il tempo dell’innocenza e della spensieratezza, mentre la vecchiaia, alle sue spalle, è un’epoca di solitudine e di meditazione; l’età adulta invece è occupata dall’amore.

La coppia di Van Dick è casta, ma la profferta delle rose simbolicamente sublima il rapimento amoroso.

La composizione serrata, con l’ininterrotta sequenza delle figure maschili, suggerisce l’idea del fluido tracorrere del tempo.

Ogni stagione della vita però ignora Quella che l’ha preceduta e quella che la seguirà: ogni personaggio sembra infatti isolato nel suo presente e dimentico degli altri.

Ecco anche a noi, a volte, capita di fissare la nostra attenzione solo sul momento difficile che stiamo vivendo e ci logoriamo l’esistenza,

che meriterebbe di essere valutata in ogni sua sfaccettatura per il solo dono che enuclea.

Katia Catalano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...