III Avvento: ‘Che dobbiamo fare?’ La nostra domanda più intima.

#VangeloDomenicale, Terza di Avvento, Anno C, 16 dicembre 2018

Che dobbiamo fare? Domanda semplice, essenziale, illuminante sull’umiltà del questionante.
Una domanda che smuove le budella, che fa tremare i polsi! Eppure sono tre paroline poste in fila con elementare audacia.

La liturgia di questa terza domenica di Avvento, la domenica in Gaudete, della gioia, invita ad esultare per il prossimo arrivo di Gesù e non lascia adito ad interpretazioni finte, vuote e meramente irenistiche…

Non c’è spazio per canzoncine, seppur bellissime; non c’è posto al voluttuario perdersi tra stelline luccicanti e addobbi dalle fogge varie.
Qui si tratta della intimità e della verità della vita di noi cristiani.

Giovanni il Battista fa da eco ai passi forieri di gioia del Salvatore e risponde alla domanda suddetta e benignamente tremenda.
Che dobbiamo fare? Come vale vivere, adesso, qui, oggi, per gustare la dolcezza della bellezza della vita in Dio Trinità, nel Dio amore agapico e eternamente donantesi?


Risposte stringate ed eloquentissime quelle del Battista: risposte tripartite e confacenti alle varie schiere sociali che lo questionavano.

La risposta è declinata in vari modi, ma suona quale invito alla radicalità e alla volontà di cambiare per Qualcuno, Dio, che sa di che pasta siam fatti e può, Egli solo, farci cambiare.


L’Avvento sviscera così, nel più genuino significato dell’attendere, le nostre più intime fragilità, come anche i nostri più veri talenti.


Cambiare rotta, capendo veramente cosa si debba fare, è verità sulla propria persona, sui propri talenti e doni, sul proprio cammino nella sequela del Cristo e del suo Vangelo.


‘Che dobbiamo fare?’ è la domanda più confacente ad esser posta da ouverture alla pregustazione della gioia vera.
Voler sapere cosa convien fare è mettersi in ascolto, per capire cosa valga e cosa serva per esser felici.


Non siamo soli in questa personale ricerca: verrà il Principe della pace, della nostra pace, a guidarci e a confortarci.

Cristo Gesù conforterà e guiderà tutti noi, sua Chiesa, pellegrina nel mondo e gioisamente questionantesi: ‘Che dobbiamo fare?’. La stessa Chiesa che esulta e spera nel pronunciare: ‘Marana Thà!’, ‘Signore nostro, vieni!’.

Buona Domenica e buona continuazione di Avvento, cari lettori.
A presto.
Luca Sc.

P.S: Seguiteci anche sui nostri canali social cliccando dalla pagina iniziale in alto a destra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...