#SegnideiTempi: Quell’odio sociale che fa male al nostro futuro

Roma, 16 novembre 2018

Un appello al buon senso
Mi capita di seguire, sui social, personaggi del mondo politico o influenti nella società. Nulla di strano: se voglio farmi un opinione devo pur sempre guardare con avvedutezza tutto ciò che mi circonda. Da pochi giorni una foto instagram del cosiddetto “vice-premier” Matteo Salvini m’ha destato alla riflessione. Si tratta di una scritta sul muro, una delle tante, con su recate ingiurie, anche grammaticalmente mal esposte. Si espone in essi un odio che farebbe paura a tutti i nostri nonni, che l’odio e la guerra veri li hanno visti. In questo epigramma post-moderno e sgrammaticato, si asserisce che uccidere il ministro dell’interno di questa legislatura non fosse “reatto”. I brividi. Non sono un simpatizzante della politica di chicchessia e non mi schiererò a riguardo – questo blog non è nato per questo – ma la tristezza e la paura hanno avuto il sopravvento alla lettura di questa imbrattatura. La paura dovuta al futuro poco roseo della quale pare foriera la nostra epigrafe. La tristezza, per la presa di coscienza della mancanza di dialogo nel nostro paese. Ma noi cristiani, che facciamo? Quanto di bello portiamo nel contesto sociale? Siamo anonimi? Se sì, speriamo di non esserlo per sempre o a lungo. Il cristiano vive la “parresìa”, la “franchezza”, che non significa “alzare i toni”, “sbraitare”… Significa essere meno buonisti e più buoni, senza gridare all’untore… “Nessuno tocchi Caino”, seppur di ciò non pare si stia parlando…Un po’ di buon senso cristiano e evangelico. Grazie mille per l’attenzione, Luca Sc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...