Comincia il Triduo Pasquale: riflettiamo sul significato della parola “Anamnesis”.

A partire da questo pomeriggio comincia il Triduo Pasquale. Rivivremo i misteri della salvezza, ma come?  La parola chiave per capire tutto ciò è “Anamnesi”: memoria attiva che fa presente, ricordando, gli eventi salvifici.

Non è semplice “memoria”, ma “ziccaron”(parola ebraica relativa ad “anamnesis”): ricordo che, nel ripensarsi, si fa presente e vivo.

Qui sta la peculiare grandezza, e bellezza, della liturgia cristiana: una celebrazione che “attua”, rende “attuale” la salvezza.

Stiamo accanto a Gesù, presenti al suo dono, vivi nella sua Pasqua. Non sono solo belle parole, ma si sta di fronte ad una esperienza vitale.

Sentiamo, grazie alla forza anamnetica del rito, la vicinanza con i misteri di salvezza, la vicinanza col Cristo.

Sentiremo nel nostro cuore la sofferenza di Gesù, ma anche, e soprattutto, la gioia della Resurrezione, la quale darà senso alla nostra vita… Vita che si fa eco di quel già ebraico “Ziccaron”.

Prepariamoci dunque a ri-VIVERE, con Gesù, il suo grande amore. Facciamoci stravolgere negli eventi “vivi” del Triduo! 

Buon cammino, cari lettori.

Luca Sc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...