Capossela al #festivalbiblico 2017

Vicenza, 24 maggio 2017. Teatro Olimpico. 

Un “cavaliere nomade” (Capossela) che, innamorato dell’AT, rinviene tracce di sacro che ancora noi, a nostra volta, fanno innamorare.  

Ama i libri più “laici”, come Giobbe, Qoelet, Giona: libri che fanno capire la vita e la morte, le speranze dopo il peccato e le incomprensioni su Dio. Testi dell’AT che parlano al cuore stesso del rapporto personale dell’uomo con Dio.

Un “cantastorie del limite”, che crea l’atmosfera della ricerca in chi si mette in cammino: non casualmente il tema del #festivalbiblico 2017 è proprio il viaggio.

Letteratura, Testo Biblico, poesia e tradizione popolare, filtrate da una armata Brancaleone  (la band, insieme al cantautore Vinicio), che non dimentica un senso aperto all’oltre, una richiesta “laica”, una ricerca della madre di tutte le ricerche: la ricerca di Dio.

Paura e tremore in Moby Dick, sofferenza di Giobbe, l’epica dell’Aedo: tutto entra e si filtra nell’arte di Capossela. Entri nella sua domanda e arrivi alle sue risposte. Magari non si condivide, ma la richiesta è prettamente umana…e per un cristiano ciò che è umano nella sua radice più veritiera apre all’Uomo in pienezza, il Cristo Gesù.

Un Capossela che fa riflettere. Che dire: buon cammino.

Per informazioni sul #festivalbiblico sul web trovate date e eventi.

A presto.

Luca Sc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...