Un pane e un fiore…

Una persona cara più volte mi diceva un piccolo proverbio-aforisma, forse di origine nipponica: “Se un uomo possiede il denaro bastevole a comprare un pane e un fiore, questi è un uomo felice“.

Ho pensato più volte a questo detto e ho deciso di riflettervi con te. 

Sul pane, penso, non vi siano tanti dubbi; ma perché la menzione del “fiore”? Se il pane significa poter vivere, il fiore dovrebbe significare il donare la vita. 

Un uomo capace di cogliere la bellezza caduca di un fiore comprende, infatti, il senso del tempo; comprende il valore dei piccoli gesti, il valore degli attimi che passano e che hanno bisogno di piccole azioni concrete, al fine di essere ricordati.

Il pane non può essere veramente “pane”, se non viene visto come buon pane… Il fiore è il tratto inconfondibile di un’esistenza che ricerca il giusto valore delle cose e sa trovarne anche il gusto.

Fare le cose con cura, oltre le nostre necessità, ha il sapore di un dono veritiero e pieno di bontà. Non sempre abbiamo il tempo, per soffermarci a guardare la bellezza delicata di un fiore, ma sempre avremo a cuore il valore ulteriore alle cose. 

Forse questo articolo è un po’ astratto nei suoi contenuti, ma, per spiegarmi meglio, ti lascio con una citazione del Vangelo: “Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato?

Caro lettore, grazie mille per l’attenzione. 

A presto.

Luca Sc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...