A volte poniamo delle condizioni a Dio?

Roma, 14 febbraio 2017

Quello che vogliamo fare nella nostra vita non è soltanto nelle nostre mani, ma, parlo a chi vive la fede, segue anche la trama dell’affidamento a Dio. Non è fuori moda in questo blog parlare in questi termini e io, sebbene possa risultare ridondante, non esito a continuare a esprimere quanto segue. 

È stato un tweet del Papa a ridestare in me il desiderio di sottolineare questi semplici concetti. “Non poniamo mai condizioni a Dio! Fidarsi del Signore vuol dire entrare nei suoi disegni senza nulla pretendere”, questo il post del Pontefice. 

Troppe volte vedo coetani abbarbicarsi in situazioni senza futuro, perché senza speranza, prive di bene in sé. Francesco, col dire l’ormai famoso “non lasciatevi rubare la speranza”, possibilmente si riferisce anche ai contenuti del sopracitato tweet. La speranza e l’affidamento vanno di pari passo. 

Se il futuro pare non arriderci, probabilmente quanto abbiamo intenzione di costruire non è solido. La nostra vista, non a caso, può solo immaginare quanto vi sia oltre l’orizzonte: differentemente è per Dio (sempre se di Lui ci fidiamo…), il quale ha creato quel medesimo orizzonte e ha donato noi anche la capacità di desiderarlo.

La società “usa&getta” è talvolta impreparata alla lenta attesa di un bene più grande, che sia lavorativo, quanto affettivo. Chi si affida gioisce e non si arrende. La vita è davvero come un cammino e colui che avanza non può vedere sempre oltre l’orizzonte sconosciuto.

A presto.

Luca Sc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...