Commento al Vangelo di Domenica 23 ottobre 2016

​Vangelo Domenica XXX del Tempo Ordinario

Luca 18,9-14

A cura di Antonio L.

Dopo l’invito a pregare sempre senza stancarsi mai, in questa domenica Gesù insegna ai suoi discepoli, attraverso la parabola del fariseo e del pubblicano, come si prega nell’intimo del proprio cuore. Gesù con questo insegnamento corregge la tendenza di alcuni uomini che, ritendendosi giusti, disprezzavano gli altri fratelli. Due sono i personaggi della parabola e due sono i modi di cui l’essere umano si serve per pregare: uno è l’autocompiacimento, di fronte a Dio la mia preghiera non è rivolta al Signore, ma al mio “io” che mi gonfia sempre di più, l’altro modo è la preghiera che  si rivolge a Dio affinchè mi accolga nel suo amore dal quale mi sono allontanato e che mi fa provare  tanta vergogna da non poter più alzare lo sguardo per parlare con Dio, mi umilio e abbasso i miei occhi. Il messaggio che Gesù intende lanciare a tutti gli uomini  è sulla “giustificazione” cioè il dono gratuito dell’essere giusti elargito direttamente da Dio agli uomini. La giustificazione si riceve non in relazione alle nostre opere (fariseo) che tendono a farci gonfiare di orgoglio, ma al contrario nell’umiltà di sentirsi incapaci di corrispondere al grande amore di Dio perché siamo peccatori ed attendiamo da Lui la misericordia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...