Aiutati nella preghiera da tutta la Chiesa. Il Papa alla Messa per la canonizzazione di sette nuovi Santi.

Città del Vaticano, 16 ottobre 2o16

Sette nuovi Santi canonizzati da Papa Francesco: José Sánchez del Rio martire, Salomone Leclercq (Lasalliano), il vescovo Manuel González García, Lodovico Pavoni (Sacerdote e Fondatore della Congregazione dei Figli di Maria Immacolata), Alfonso Maria Fusco (Sacerdote e Fondatore della Congregazione delle Suore di S. Giovanni Battista), Elisabetta della Santissima Trinità (Carmelitana Scalza).

Durante l’omelia il Pontefice si è soffermato sul valore della preghiera, sul quel “pregare sempre” del Vangelo di questa 29° Domenica del Tempo Ordinario.

Come pregare incessantemente nella propria vita? Il Pontefice pone due pilastri: lo Spirito Santo, che sempre sorregge il cammino dei fedeli, e la Chiesa tutta, la quale animata dallo stesso Spirito, permette che il singolo fedele in cammino non si senta mai solo. Vivere e lottare ogni giorno per camminare nella santità, facendo della propria esistenza una vita nello Spirito Santo, rivolgendosi a Dio continuamente. Da ciò allora si potrà testimoniare efficacemente, restando ben saldi nella fede.

Francesco, infatti, ad inizio omelia, ha voluto riprendere la preghiera di colletta (la preghiera di inizio celebrazione Eucaristica): “Dio onnipotente ed eterno, crea in noi un cuore generoso e fedele, perché  possiamo sempre servirti con lealtà e purezza di Spirito”. Tale invocazione risulta quale sunto eloquente del significato cristiano del pregare: “Noi, da soli, non siamo in grado di formarci un cuore così, solo Dio può farlo, e perciò lo chiediamo nella preghiera, lo invochiamo da Lui come dono, come sua creazione”, così la parafrasi del Pontefice.

Altro tema importante per il Santo Padre può rinvenirsi nella accezione della preghiera, intesa quasi come un “gridare”: la vedova del Vangelo è insistente e, tramite il suo continuo chiedere, ottiene quanto sperato.

Il Pontefice assicura che questo è lo stile della preghiera cristiana, ribadendo, contro ogni nostra possibile stanchezza, la possibilità  del chiedere aiuto. “È vero, ognuno di noi si stanca.Ma non siamo soli, facciamo parte di un Corpo! Siamo membra del Corpo di Cristo, la Chiesa, le cui braccia sono alzate giorno e notte al cielo grazie alla presenza di Cristo Risorto e del suo Santo Spirito”.

I Santi, anche coloro oggi canonizzati, hanno vissuto tutto ciò; il Papa infine chiede la loro intercessione, affinché tutti noi diveniamo uomini e donne di preghiera, affinché lo Spirito preghi in noi, affinché ci sosteniamo a vicenda, affinché possiamo restare, come Mosè, con le braccia alzate, fino alla vittoria della Divina Misericordia.

Chiudo col citare l’ultimo tweet @Pontifex che è intimamente collegato con la giornata di oggi: “Andiamo avanti con coraggio nel cammino verso la santità!”. Questo l’auspicio del Santo Padre in questa gioiosa giornata per la Chiesa, in questa Domenica tiepida di autunno.

A presto.

Luca Sc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...